Dal 25 luglio scorso sul sito dell’Inps è possibile presentare domanda per il “Contributo per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia”, anche detto “Bonus Psicologo”.

Ci sarà tempo fino al 24 ottobre per fare richiesta, ma sembra che già dopo poche ore dall’apertura della piattaforma Inps ci sia stato un boom di richieste: oltre 100mila cittadini avrebbero già fatto domanda!

Il bonus psicologo è stato pensato per sostenere le spese di assistenza psicologica di tutte quelle persone che, nel periodo delicato della pandemia e della correlata crisi economica, “hanno visto accrescere le condizioni di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica” (così si legge nel testo), ma forse chi l’ha pensato ha sottostimato quale fosse il numero reale di chi ne avesse bisogno, dato che con i fondi stanziati nel decreto Milleproroghe, secondo le stime del governo, potranno ricevere il bonus poco più di 16mila persone.

Quindi se da un lato il bonus psicologo è stato decisamente un successo, dall’altro è evidente (e non si può più far finta di non vederlo) che esiste un diffuso bisogno di “cure” psicologiche e forse qualcuno dovrà porsi il problema di come aiutare chi rimarrà escluso dal contributo.

In ogni caso, anche se sei tra quelli che non ha ancora fatto domanda per il bonus psicologo, non ti far scoraggiare dal già elevato numero di richieste: chi intende fare domanda ha tempo fino al 24 ottobre e solo a quel punto verranno formate le graduatorie, dando la precedenza a chi ha Isee più basso.

Sei sei interessato al bonus psicologo continua a leggere come funziona il bonus e come fare la domanda.

Cosa è il bonus psicologo

È un contributo economico, destinato ai cittadini richiedenti con Isee non superiore ai 50mila euro, per sostenere le spese di assistenza psicologica, relative a sedute di psicoterapia presso specialisti privati, di coloro che, nel periodo delicato della pandemia e della correlata crisi economica, hanno visto accrescere le condizioni di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica.

Per il bonus è previsto un tetto massimo di 600 euro a persona, erogato in base alle risorse disponibili prioritariamente alle persone con Isee più basso ed in base all’ordine di arrivo della domanda.

Come funziona il bonus psicologo

Ci sono alcuni requisiti per accedere al bonus:

– può esser riconosciuto solo una volta;

– bisogna essere residenti in Italia al momento della presentazione della domanda;

– bisogna avere un Isee in corso di validità con valore inferiore a 50mila euro.

Il contributo economico, spettante al singolo cittadino che ne ha fatta domanda, varia nel suo tetto massimo a seconda dell’Isee:

– fino a 50 euro a seduta, con un tetto massimo di 600 euro a persona, con Isee inferiore ai 15mila euro;

– fino a 50 euro a seduta, con un tetto massimo di 400 euro a persona, con Isee tra 15 e 30mila euro;

– fino a 50 euro a seduta, con un tetto massimo di 200 euro a persona, con Isee tra 30 e 50mila euro.

Il Bonus Psicologo può essere richiesto all’INPS per sé, per minori su cui si esercita la potestà o per persone di cui si fanno le veci.

Come fare la domanda

La richiesta va presentata sul sito dell’Inps accedendo al servizio “Contributo sessioni psicoterapia” (dalla home page del sito web www.inps.it, seguire il percorso: “Prestazioni e servizi”, poi “Servizi” e “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”).

Per inoltrare la domanda sono necessarie le credenziali Spid o Cie o Cns.

In alternativa al sito web, la domanda può essere presentata tramite il servizio di Contact Center Multicanale.

Le istruzioni per la presentazione della domanda sono contenute nella Circolare 83 del 19/07/2022 dell’Inps.

Come si usa il bonus

Dopo il termine di presentazione delle domande (dopo il 24 ottobre) l’Inps procederà a stilare le graduatorie, “tenendo conto del valore Isee e, a parità di valore Isee, dell’ordine di presentazione”. Sarà possibile consultare l’esito della propria domanda sul portale, ma arriverà anche un avviso via Sms o indirizzo e-mail inseriti in fase di domanda.

Una volta accolta la domanda e determinato il valore del singolo bonus, verrà assegnato un codice univoco da consegnare al professionista durante la seduta. Sarà poi il professionista a ricevere direttamene l’importo dall’Inps.

Gli psicologi-psicoterapeuti devono essere regolarmente iscritti all’albo degli psicologi e nell’elenco degli psicoterapeuti, e aver comunicato la propria adesione all’iniziativa all’ordine professionale di appartenenza. Se te lo stessi chiedendo, la risposta è: SI, sono una psicologa-psicoterapeuta, regolarmente iscritta all’albo e ho aderito a questa iniziativa; quindi SI, PUOI USARE IL BONUS CON ME.

Il bonus dovrà essere utilizzato entro 180 giorni di tempo dalla data di pubblicazione del messaggio che comunica il completamento della graduatoria. Decorso tale termine il codice univoco sarà automaticamente annullato e le risorse non utilizzate saranno riassegnate nel rispetto dell’ordine della graduatoria.